Recensioni scelte

Novità discografiche

di Cristiano Poli Cappelli

CHRISTIAN LAVERNIER:  CONTEMPORARY FUTURE


Il  Cd che stiamo ascoltando è, tra le ultime uscite discografiche che mi è capitato di ascoltare, sicuramente una delle più interessanti.


Si tratta di un progetto di ampio respiro, che non si limita ad un solo aspetto, compositivo o esecutivo. Progetto partito circa quattro anni fa quando il liutaio Carlos Gonzáles ha iniziato la progettazione e successivamente realizzato una chitarra a 11 corde, una chitarra che, nella sua visione, doveva rappresentare uno strumento “nuovo”, con caratteristiche estremamente simili alla chitarra ed agli strumenti antichi ma con delle sue peculiarità: questo nuovo strumento doveva essere un’ampliamento della nostra chitarra, senza modificarne l’ergonomia e la forma. Un sogno trasformato in realtà: La Soñada è il nome di quest’opera.


Come è facile immaginare, questo nuovo strumento non aveva un repertorio e proprio qui si inserisce la figura ispiratrice di Christian Lavernier, cui viene mostrato questo strumento, in occasione di un concerto a Linares, e che se ne innamora.

Il frutto di questo incontro e di queste anime creative è contenuto in questo Cd, contenente opere scritte appositamente per La Soñada, su ispirazione di Lavernier.


di “passaggio” rispetto al momento di partenza melodico con cui prende il via il brano.


Il Cd termina con una raccolta di brani di Nicola Campogrande, 12 Preludi a getto d’inchiostro.

Lavoro interessantissimo per la grande varietà di elementi che vi ritroviamo. L’autore sceglie questo titolo per significare la rapidità del gesto compositivo, contrapposto alla profondità della ricerca compositiva che precede il gesto compositivo stesso. I 12 preludi sono una sintesi di un mondo sonoro in cui è possibile trovare riferimenti alle forme classiche, dissonanze, ricchezza timbrica e molto materiale etereo e sognante, materiale con cui Christian Lavernier si cimenta, con successo, utilizzando un’arma risonante e particolare.


Si tratta di un Cd davvero molto interessante, coraggioso, in cui la sensibilità e creatività di  Lavernier si incontrano con musiche di ottimo livello dando vita ad interpretazioni notevoli. Un ascolto certamente non facile ma in cui emerge senza dubbio la bravura di Lavernier che ci conduce con sicurezza in un viaggio sonoro e timbrico unico.



Cristiano Poli Cappelli

I compositori che si sono cimentati in questo progetto sono Azio Corghi, Andrea Talmelli, Corrado Rojac e Nicola Campogrande.


Redobles y Consonancias di Azio Corghi, classe 1937, è una rielaborazione di un opera del 1973, scritta su richiesta di Ruggero Chiesa e che rappresenta un ponte tra un’esperienza degli anni di esordio del compositore e le successive generazioni, un ponte che trasforma quel brano in un’opera di attualità, in quanto ripensata alla luce delle possibilità timbriche della Soñada.


Ed è proprio il timbro l’elemento su cui si ripercuotono le maggiori modifiche, nell’estensione e nella dinamica: resta inalterato il tema originario di Luys Milan.


Il brano di Andrea Talmelli  è una suggestione ed un approfondimento del tema del sogno, il sogno da cui nasce ed in cui si realizza il progetto di questa chitarra; il mondo onirico nel qualche Talmelli cerca di restare con le sue atmosfere risonanti, nelle quali Lavernier si lascia trasportare con bravura e passionalità introspettiva.


Anche il brano di Corrado Rojac nasce da un’ispirazione antica, Sweet stay awhile di John Dowland, di cui rappresenta una versione sognante e rielaborata. Il brano deriva dai suoni  armonici  di alcuni suoni-base del brano di Dowland, e termina con un atteggiamento accordale, che segna una sorta

CONTEMPORARY FUTURE – Christian Lavernier

EMA Vinci: vai al LINK


Azio Corghi: Redobles y Consonancias

Andrea Talmelli: Dreams

Corrado Rojac: Coniugazioni del Sublime V

Nicola Campogrande: 12 Preludi a Getto d’Inchiostro

Adagio Liberamente

Con Leggerezza Insistente

Stupendosi

Respirando con Libertà

Disincanto

Ombroso

Investigando

Rimbalzando

Misterioso

Sulle Colline

Seriamente

Leggero

-------------------

LA SOÑADA – UN SOGNO CONDIVISO