di Eugenio Silva e Alfredo M. Ruggiero

Gli “Studi facili per chitarra” di Angelo Gilardino*
di Eugenio Silva e Alfredo M. Ruggiero

* Tesi di Diploma Accademico di II Livello ad Indirizzo Didattico per la formazione dei docenti nella classe di concorso A077 -

Conservatorio di Musica “D.Cimarosa” Avellino A.A. 2013-2014



Studio n. 12 – Tropicale


Linea melodica tenuta su accordi con staccato - Lo Studio insegna a creare simultanemente due tipi di articolazioni – una linea tendenzialmente legata e un commento armonico di accordi staccati – il che richiede una condotta particolare della mano destra.




BREVE ANALISI FORMALE


Per la composizione del brano viene utilizzato il totale cromatico senza vincoli seriali. Questo studio si differenzia dagli altri in quanto non è individuabile una divisione precisa in sezioni a sé stanti: infatti, a battuta 5 viene proposto ciò che a prima vista potrebbe essere definito un tema, in quanto si ripresenta nel corso di tutto il brano ma non nota per nota, bensì solo nella sua struttura ritmica. Ciò accade nelle battute da 7 a 10, da 13 a 16 e da 19 a 26 dove si incontra la suddetta cellula ritmica ma in differenti registri.


Nella parte finale, da battuta 28 in poi, si potrebbe quasi parlare di ripresa, poiché si ripete letteralmente la prima parte del brano che va da battuta 5 a 8. Siffatta struttura conferisce a questo studio una certa unitarietà.





ASPETTI TECNICI


Il principale aspetto tecnico è, come citato dallo stesso Compositore nel sottotitolo del brano, quello di legare la linea melodica contrapponendola ad un accompagnamento staccato. Proprio per questo motivo, non solo la diteggiatura da applicare alla mano destra risulterà particolarmente complessa, ma anche l’articolazione stessa delle dita dovrà essere funzionale per ottenere l’effetto desiderato.




OBIETTIVI DIDATTICI


In relazione ai suddetti aspetti tecnici, il fine ultimo di questo studio è quello di insegnare al chitarrista a praticare simultaneamente due tipi di articolazione: la prima che permetta di legare la linea melodica, la seconda che al contrario permetta di eseguire l’accompagnamento staccato. La ritmica particolarmente complessa (che ritroviamo anche in altri studi) costituisce un importante scoglio da superare per l’esecutore, il quale dovrà tenere conto anche delle numerose alterazioni che si presentano lungo il corso del brano e che comportano, di conseguenza, delle diteggiature scomode della mano sinistra.




IMPREVISTI


Sicuramente, l’errore più spontaneo in cui si può incorrere è quello di non riuscire a stoppare le corde con la mano destra per eseguire in maniera corretta gli accordi staccati indicati dal Compositore. Tentare di eseguire queste due articolazioni così diverse potrebbe distrarre il chitarrista dal ritmo della linea melodica superiore, che si presenta molto articolata rispetto all’accompagnamento. 




ATTIVITÀ 1


In rapporto agli obiettivi didattici descritti in precedenza, si possono organizzare una serie di attività per il potenziamento della mano destra. Esse sono atte all’acquisizione della tecnica dello stoppato e sono da eseguire nelle seguenti articolazioni:




ESERCIZIO N. 1







ESERCIZIO N. 2





ESERCIZIO N. 3






ESERCIZIO N. 4






 
Elenco dei contenuti

Elenco dei contenuti

HOME

HOME

HOME 
APPROFONDIMENTI

HOME

APPROFONDIMENTI

http://www.dotguitar.it
http://www.dotguitar.it
silvaruggierogilardino_indice.html