Omaggio a Mario Gangi 

(1923 – 2010)

Gli allievi dei Conservatori della Campania lo ricordano con le sue musiche 

Conservatorio S.Pietro a Majella - Napoli

Sala Scarlatti

12 Marzo 2011 - ore 11.00




di Maurizio Villa


 
<< HOMEhttp://www.dotguitar.it
A un anno dalla scomparsa, Mario Gangi, indiscutibile protagonista della scena chitarristica internazionale, è stato ricordato dagli allievi dei conservatori della Campania, nella sala Scarlatti del San Pietro a Majella di Napoli.


Il verbo ricordare ha una etimologia affascinante. Il significato è di riportare al cuore, vera sede della conoscenza profonda per gli antichi.


Quello che hanno fatto questi giovani interpreti, è stato di riportare al cuore, di ricordare un musicista, in un’atmosfera di commovente partecipazione, ridonando nuova vita. Mi sono proposto per tale celebrazione di riunire per la prima volta gli allievi dei Conservatori della Campania i quali hanno aderito, supportati sino in fondo dai loro insegnanti, con entusiasmo e passione, per confrontarsi ed incontrarsi in un unico intento: dare un nuovo senso al presente.


Per ricordare il maestro che ha insegnato al Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, con l’allora direttore Jacopo Napoli, dal 1959 al 1973, gli allievi hanno eseguito 7 studi scelti tra i 22,  5 brani dai “pezzi moderni”, La ronde folle, Con tanta tenerezza e la Sonatina per chitarra sola.


Gli allievi, appartenenti a differenti istituzioni, hanno presentato anche i brani Fabulae per due chitarre e Improvviso per tre chitarre, manifestando ancora una volta il desiderio di costruire insieme qualcosa, trovando il modo di esprimere la propria identità in un clima assolutamente positivo conquistando una maggiore autostima e consapevolezza di se stessi. 


Mi auguro che ci siano altre occasioni del genere, dove l’interesse e il coinvolgimento degli studenti portino a creare nuovi eventi, dando le basi per una motivazione reale allo studio e soprattutto per dare a loro, ogni giorno, la possibilità di sognare, perché io sono sicuro che, chi possiede i sogni, possiede il futuro.


Maurizio Villa



Hanno collaborato:


Luca Isolani, Gennaro Di Meo

Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli

(Maurizio Villa)


Gerardo Fusco - Mauro Tamburrini

Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino

(Lucio Matarazzo - Stefano Magliaro)


Nunzio Parente, Giovanni Preziosa, Carmine Puca

Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento

(Paolo Lambiase - Ugo Di Giovanni - Piero Viti)


Antonio Pezzullo, Antonio Sabetta

Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno

(Antonio Grande - Sergio Cantella)


Letture da interviste tratte dalle riviste “GuitArt” e “Il Fronimo” a cura di

Daniela Del Monaco

Docente Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli



Programma


Dai 22 Studi

Giovanni Preziosa

Luca Isolani

Antonio Sabetta

Nunzio Parente

Antonio Pezzullo

Mauro Tamburrini

Gennaro Di Meo 

Studio n°6

Studio n°7

Studio n°13

Studio n°18

Studio n°19

Studio n°21

Studio n°22



Dai Pezzi Moderni

Gennaro Di Meo

Nunzio Parente

Gerardo Fusco

Antonio Pezzullo

Luca Isolani

            

Guitar Choro

Delizioso

Verso l'Oasi

Ametista

Panoramica



Antonio Sabetta

            

La Ronde Folle

Con tanta tenerezza


Mauro Tamburrini


Mauro Tamburrini

Carmine Puca

       

Gerardo Fusco

Luca Isolani

Antonio Pezzullo   

      

Sonatina


Fabulae       



Improvviso



Ideazione e realizzazione:

Maurizio Villa


__________________

Mario Gangi 

(Roma, 1923 - 2010)


Educato alla chitarra dal padre Alfredo (1880 - 1974) frequentò il Conservatorio di S. Cecilia conseguendo il diploma di Contrabasso con Isaia Billè. Ha collaborato con i più grandi Direttori di musica leggera del suo tempo: Trovajoli, Semprini, Angelini, Ferrio, Canfora, Simonetti, Pisano.


Già a venti anni aveva però intrapreso anche una significativa attività concertistica come chitarrista classico e nel 1951 debuttò a Napoli nella Sala Grande del Conservatorio per l’Associazione Alessandro Scarlatti. Ha suonato nelle Americhe, in Europa, in Australia e in Giappone.


Ha eseguito in prima esecuzione moderna il Concerto op. 30 di Mauro Giuliani, il Concerto dell’Argentarola di Ennio Porrino, l'Ode super Chrysea Phorminx  di Roman Vlad e il Concerto per chitarra e piccola orchestra di Jacopo Napoli. E’ stato inoltre un acclamato interprete del Concierto del Sur di Manuel Maria Ponce. Ha collaborato con partner d’eccezione tra i quali Salvatore Accardo, Rocco Filippini, Severino Gazzelloni e Giorgio Zagnoni. E’ stato primo esecutore di Nunc di Goffredo Petrassi.


Ha insegnato chitarra presso il Conservatorio S Pietro a Majella di Napoli dal 1959 al 1973 e in seguito a Roma, al Conservatorio di S. Cecilia, fino al 1990. Nel 1965 fondò a Napoli con l’allievo-amico Fausto Cigliano un duo memorabile dedito all’interpretazione della Canzone napoletana d’Autore.


Ha composto musica da camera, trascrizioni, elaborazioni per chitarra e un riuscitissimo Metodo in tre volumi, pubblicando per la Bèrben numerosi volumi dei più importanti autori-chitarristi dell‘800.


Divenne tuttavia popolare al grande pubblico per aver ideato e condotto in televisione il programma “Chitarra amore mio” e per aver pubblicato un metodo divulgativo a fascicoli con il jazzista milanese Franco Cerri.


Nel 2005 ha ricevuto ad Alessandria il premio alla carriera “Una vita per la chitarra”.






















 
<< HOME 
ARCHIVIhttp://www.dotguitar.it/zine/archivi/archivi.html