<< HOMEhttp://www.dotguitar.it
<< HOME 
ARCHIVIhttp://www.dotguitar.it/zine/archivi/archivi.html

XVIII Concorso

Internazionale Biennale

Di Chitarra  Emilio Pujol

Sassari 9-10 maggio 2014




 


  di Mauro Tamburrini

  mauro.dotguitar@gmail.com


 

Ottimizzato per

Firefox

Safari
 
 

Dal 1980, con il Concorso Internazionale di Chitarra “EMILIO PUJOL”, l’Associazione Chitarristica Sassarese, che deve la sua costituzione e organizzazione da 37 anni all’infaticabile opera del M° Armando Marrosu, ha contribuito a diffondere il nome della Sardegna negli ambienti musicali di tutto il mondo.

Il Concorso “Pujol”, primo in ordine di tempo tra i premi musicali organizzati in Sardegna, oltre alla presenza di un folto pubblico composto in gran parte da giovani, ha registrato l’intervento della RAI – TV, della Televisione Nazionale Spagnola e di Radio France, con la presenza di giurie composte da musicisti di fama internazionale e di concorrenti provenienti da Canada, Inghilterra, Francia, Brasile, Austria, Portogallo, Giappone, Korea, Germania, Spagna, U.S.A., Olanda, Jugoslavia, Italia, Croazia, Cuba, Eire, Finlandia, Svizzera, Kosovo, Messico, Belgio, Russia, Danimarca e Grecia.








La giuria di quest’anno era così composta: M°Efisio Abis (presidente), M° Eduardo Baranzano,  M° Luciano Contini, M° Josè Antonio Escobar, M°Lucio Matarazzo.






I premi del concorso anche per questa edizione sono stati davvero ricchi. Al primo premio sono andati ben 4000€, due concerti premio offerti dall’Associazione Musicale Insieme di Porto Torres e dall’Associazione Culturale MusicArti di Stintino, un album distribuito online nei più importanti negozi di musica internazionali (itunes, amazon, ecc) offerto da DotGuitar per l’etichetta DotGuitar/cd.
Al secondo ed al terzo premio rispettivamente 2000€ e 1000€ ed un album offerto da DotGuitar.

Il giorno 9 maggio è iniziata la prima prova (eliminatoria) che aveva come brano obbligatorio uno studio di Heitor Villa-Lobos a scelta del candidato ed un programma della durata di 12-15 minuti a scalta.

Il 10 maggio la seconda prova (semifinale) prevedeva come pezzo d’obbligo un brano del XVI secolo per liuto o vihuela a scelta del candidato più altri 12-15 minuti a scelta. Nella stessa giornata, dopo un ardua selezione di grandi talenti si è arrivati alla finale che prevedeva un brano di Emilio Pujol da scegliere tra i seguenti: Guajira, Villanesca, Els tres tambors, Sevilla, Tango. 

La sfida sul palcoscenico è stata davvero dura ed alla fine la giuria ha assegnato i seguenti premi:


  3° Premio Claire Sananikone (Francia)                                       2° Premio Redžić Sanel (Bosnia)
                                            














1° Premio Davide Tomasi (Italia)






Premiazione