Teresa de Rogatis

“Un fremito romantico tra le pieghe del Novecento”

Real Casa dell'Annunziata - Succorpo Vanvitelliano

Napoli - 11 marzo 2016



a cura di Paola Troncone

 
 

Lo scorso 11 marzo, in occasione della ricorrenza della Giornata Internazionale delle Donne, nell’ambito della Rassegna Marzo Donna 2016 “Je sto vicina a te” organizzata dal Comune di Napoli, si è svolta la conferenza-concerto Stella Splendens presso il  Succorpo sotterraneo vanvitelliano della Real Casa della Santissima Annunziata.


Si tratta della storica istituzione, situata in quel ventre della città chiamato Forcella, nata a scopo assistenziale durante il Regno di Napoli, e che con il suo operato ha dato testimonianza per secoli alla città di tematiche quali la natività, la maternità e il dramma dell’infanzia abbandonata.


In questa sede prestigiosa,  Giuliana Cacciapuoti, docente di lingua araba presso l’Università degli Studi l’Orientale di Napoli e Paola Troncone, docente di Chitarra presso il Liceo Musicale “Margherita di Savoia”, hanno tenuto i loro rispettivi interventi su “Le vicende artistiche e la memoria delle musiciste compositrici della città di Napoli”; e su “Teresa De Rogatis: un fremito romantico tra le pieghe del Novecento”.


Le relatrici hanno raccontato, tratteggiandone i profili,  le storie di importanti  compositrici e musiciste napoletane dimenticate. Il tema dell’incontro si è sviluppato a partire dal programma di Toponomastica Femminile, di cui la professoressa Cacciapuoti è  componente.


L’Associazione si occupa di  riscoprire la storia cittadina e di far conoscere le donne che hanno dato il loro nome a diverse strade, così come quelle che sono state invece ingiustamente escluse da questo riconoscimento.


Il concerto ha visto ospiti il Coro Polifonico diretto dal M° Rosario Peluso e la chitarrista napoletana Clara Campese che, attraverso l’ascolto del suo cd dedicato alle opere di Teresa De Rogatis, ha ricordato la figura dell’artista.