La Musica e l’Arte del Suono

Dir. Art. Cav. Dott. M.Sellitto


Conferenza - Concerto

Interventi: M°F.Nocerino - M°M.Sellitto

Concerto: M° José Antonio Escobar


Sala Del Capitolo Complesso di S.Domenico Maggiore

Napoli - 25 novembre 2016




 


  di Mauro Tamburrini

  mauro.dotguitar@gmail.com

 
 

Tema centrale dell’evento è stato “La musica e l'arte del suono”, in cui la musica non è più finalizzata a se stessa, ma diventa “arte” quando  supportata da  un “raffinato e sensibile” interprete, e da uno strumento “acusticamente  adeguato” in grado di  elevare l’elemento “suono” sia sul piano concettuale sia, soprattutto, sul piano emozionale.


Testimonial dell’evento:  José Antonio Escobar, concertista poliedrico (con cinque lavori discografici pubblicati dalla Naxos), ritenuto uno dei più importanti chitarristi della sua generazione, pluripremiato dalla critica e dai più prestigiosi concorsi internazionali, si è rivelato profondo e raffinato interprete del repertorio chitarristico, capace di passare con grande padronanza dalla musica rinascimentale a quella contemporanea.


Escobar si è esibito con l’ultima chitarra , realizzata dal M° liutaio Cav. Marco Sellitto , la “Solenne”, di cui si è espresso nei seguenti termini:

“The "Solenne",  is an amazing guitar  because: 1) has presence, balance and has very distinct  sounds, all these are in a perfect "Hauser-style" .... 2) body and timbre's magic that are in "perfect Torres-style" 3)  but  above all, an  endless amount of tonal nuances of sound, available: like a painter, when you play, any color your interpretation needs, you realize that you can have from this guitar, and this is for me an aspect of fundamental importance for an interpreter, that usually is unobtainable in other guitars!


Another important aspect of “Solenne” is the “dynamics”, it  is amazing because you can play from "pianissimo" to "fortissimo", and the guitar always follows you, without losing nothing of its tonal quality!


Also, this guitar has an incredibly fast response to the sounds, and  this is very important for me , especially when I play particular repertoire like J.S.Bach, M.Giuliani and J.Rodrigo music”.


Escobar si è riconfermato estremo e raffinato utilizzatore dell’elemento “suono” che ha saputo padroneggiare in maniera sublime, riuscendo in tal modo ad emozionare e quindi a coinvolgere tutto il pubblico presente in sala.

Intervento del M° Francesco Nocerino

Organologo - Musicologo

Intervento del Cav. Ing. Marco Sellitto

Maestro liutaio