di Giorgio Signorile

Johann Kaspar Mertz
Tarantella

Home

Home archivi

http://www.dotguitar.it
http://www.dotguitar.it/zine/archivi/index.html
 

Johann Kaspar Mertz, Tarantella da “Kukuk”

piccoli divertimenti per la chitarra



Questo brano semplice...ma non troppo, fa parte di una curiosa raccolta scritta da Mertz e intitolata “Kukuk”, Panorama Musicale, piccoli divertimenti per la chitarra-Arie popolari di diversi paesi.

E' costituita da una serie di brani (in totale sono ben 136, di lunghezza raramente superiore alla pagina) e, accogliendo le esigenze di una utenza non propriamente professionale ma curiosa di novità editoriali, mette insieme musiche da svariati Paesi riarrangiate da Mertz.


La Tarantella che vi presento rappresenta bene questa raccolta: c'è la danza tradizionale, evidente soprattutto nell'incedere ritmico del 6/8 e nei richiami folklorici della seconda e terza sezione, c'è il gusto dell'autore per il popolare sempre contenuto in uno stile sobrio e salottiero - la sezione iniziale, con la scala che si apre anche di volume nella fase ascendente e si chiude al ritorno - il tutto confezionato in un pezzettino che risolve la Danza in un minuto e cinquanta secondi circa ma che comunque offre una bella idea dell'ambiente che l'autore vuole descrivere.


Confrontarsi con Mertz significa sempre, anche in questi semplici brani, rapportarsi con un compositore curioso, desideroso di offrire ai chitarristi delle idee sempre in movimento, vive, in piena sintonia col dettato romantico dove la rottura col passato avviene proprio in virtù della ricerca dell'inaspettato, del contrasto, ed ecco allora che una raccolta come quella di cui parliamo ha il suo senso didattico, vuole abituare lo studente ad ascoltare musiche nuove e, probabilmente per il periodo, ancora poco ascoltate.


Nello studiare il brano cercate il contrasto fra le sezioni, il forte e il piano ma soprattutto l'aspro e il dolce, le indicazioni scritte non sempre vanno in questa direzione, e ho preferito dare una mia idea, magari più schematica ma sicuramente più chiara e semplice da realizzare: soprattutto nella seconda sezione, quella dove la frase scende cromaticamente, questo gioco funziona benissimo e crea un bellissimo “quadro”, brillante e ritmico, che trova una risoluzione popolaresca nella frase seguente, finalmente in tonalità maggiore, solare e aperta.

   

Ricordate sempre che la velocità non è mai un valore assoluto, cercate sempre, soprattutto in brani come questo, la ritmica interna delle frasi, il movimento del pezzo, molto meglio un tempo meno mosso ma un ritmo preciso e danzante che una sparata di note che non fanno muovere i piedi....

Buon lavoro!


Riferimenti internet:

la raccolta “Kukuk” è reperibile qui http://www.muslib.se/ebibliotek/boije/pdf/Boije%20383.pdf

informazioni sulla Tarantella e la sua storia qui http://it.wikipedia.org/wiki/Tarantella