Raffaele Iervolino: 
“UNIVERSO” Ed. ESARMONIA www.esarmonia.com
                      http://www.esarmonia.comshapeimage_4_link_0
Homehttp://www.dotguitar.it/index.html
Home archivihttp://www.dotguitar.it/zine/archivi/index.html

Studi in Tre volumi in un unico libro, per i giovani chitarristi, l'origine.

1.Big Bang Op.10, da 92 Frammenti;

Prima parte, Frammenti su una corda sola,n° 1,2,3,4,5,6,7,8.

Seconda parte,Frammenti su due corde,n° 54,55,56,57.

(I Frammenti,arrivano sino alla quinta parte con studi su tre, quattro e cinque corde.)


2.Meteore Op.4, dalle 30 Meteore;

Meteora numero 1,5,12,13,e 28.


3.Pianeti Op.8,  dai 10 Pianeti;

Il Sole e Marte.

 




Questi studi,di Big Bang, Meteore e Pianeti, in un unico volume intitolato “Universo” , li ho composti negli anni che vanno dal 1986 al 1990. Essi sono dedicati ai giovani chitarristi, affinché risolvano le loro conoscenze chitarristiche, soprattutto per chi non ha mai suonato la chitarra, e non ha conoscenza della tastiera, negli anni iniziali.


I ragazzi sono il centro dell'Universo, dopo l'esplosione del Big Bang, ecco i frammenti, i giovani ragazzi che crescono e formano l'umanità. Ogni singolo frammento li rappresenta. Dopo il Big Bang e i suoi frammenti, si formano le meteore, rappresentanti i giovani, che girano per il mondo in cerca di un posto per accasarsi, così essi, girano i luoghi, i siti e formano le società. Meteore che atterrano su altre meteore formando pianeti, in un continuo spazio-temporale, cercando sempre tutte un punto di riferimento. Così i ragazzi dopo la nascita "Big Bang" cercano la loro strada. Domande, esplorazioni di ciò che li circonda, scrutando, visitando, misurando, occhieggiando e assaporando qualsiasi cosa gli capiti tra le mani.


Il giovane attraverso le sue dita e dal sapore che ricava dalle cose toccate ed esplorate, plasma la sua esperienza, formando  così il carattere nella sua vita. I pianeti siamo noi, i ragazzi cresciuti dal Big Bang e trasformati in giovani dalle  Meteore con le nostre soluzioni di vita create dal nulla. Noi siamo pianeti viventi che si trasformano e si delineano nell'Universo.

Tiriamo fuori il nostro carattere perché la gente vuole così, altrimenti siamo cacciati via ed esclusi da tutto. Mostriamo i difetti e i pregi senza nasconderci e confrontiamo i pensieri altrui, con i nostri, per poterli migliorare.


I pianeti sono l'essenza della vita trasformata in oasi nell'infinito, chi la trova "la vita", trova l'acqua da bere. Prendiamo con forza la resa dei conti che si presenta giorno per giorno e la scagliamo lontano per realizzare i nostri progetti. Non ci arrendiamo perché non vogliano perdere, e anche se falliamo ci riprendiamo subito per continuare a lottare.


I pianeti lottano continuamente per la loro esistenza e noi facciamo lo stesso.


 



Scarica Il PDF